Sunday, February 22, 2009

IL RISCATTO DEL "SABBIATO"


cari amici, il festival è finito, e ormai non tocca far altro che raccogliere le ovazioni, oppure i cocci. Io direi che siamo a metà.
Si sa, che affidera una chermesse come questa a Paolo Bonolis, significa mettere in cassa forte un successo garantito, ma come si suol dire, l'imprevisto è dietro all'angolo, e non tutte le ciambelle escono col buco. Penso sinceramente che l'ultima serata san remese, sia scesa drasticamente di tono, nonostante le ospitate di Annie Lennox, Vincente Cassel, davvero simpatico, oltre che buon attore, la presenza di Maria De Filippi sul palco, abbia tirato inesorabilmente in basso il gradimento della serata, per lo meno da parte mia, e di chi con me ha visto il festaval, davanti ad un 21 pollici, stravaccati a terra in sala, ridendo e scherzando davanti ad una pizza e birra, e sì, perchè la serata era da pizza e birra!
Ora, col senno di poi, mi viene in mente a che pro la Maria (e non sto parlando della gangia) era sul palco dell'Ariston.
Comunque, ci tengo a dire che a Marco avevo annunciato quali erano i cantanti ad andare a podio, e non mi sono sbagliato, però qualcosa voglio dire, è giusto che i giovani comincino un po' ad avere la ribalta, a farsi avanti, nello spettacolo, nella musica, nell'arte, nel cinema, e nel levoro, poichè solo con audacia si raggiunge l'obiettivo. Però, dopo aver ascoltato tutti i brani, credo che forse quello di Marco Carta, non era proprio da vittoria, da podio magari, ma non da vittoria!
Altre canzoni erano molto più meritevoli, tra cui Marco Masini e la sua "L'Italia" o Dolce Nera e la sua "il mio amore unico" pezzo rock davvero efficace e bello, che sentiremo parecchio, oppure la bellissima "più sole" di Nicky Nicolai, o anche "l'opportunità" di Belli Pupo N'Dur, o anche "Luca era gay" di Povia, che nonostante mi stia pesantemente sul cazzo, ha portato al festival un ottimo brano, con un testo pienio di significato.
Credo che l'unica scelta azzeccata, sia stata quella di Arisa, con la sua "sincerità" nella sezione nuove proposte, perchè con la sua semplicità e la presenza simpaticissima, con un bel brono, di una leggerezza più che giusta e con una bella voce d'altri tempi, ha conquistato tutti.



per concludere, direi che per tutto l'arco del primo tempo, Bonolis ha dominato la partita, creando parecchie occasioni da gol, rendendosi davvero pericoloso sotto porta, segnando un magnifico gol, ma allo scadere del secondo tempo, con uno svarione difensivo, vanifica tutta l'ottima prestazione prendendo un autogol clamoroso......purtroppo è la dura legge del gol!

3 comments:

Marco Dale said...

No Marco Carta no!
Nemmeno da podio,ma dai su oggi uno si sveglia e decide di fare il cantante,ti giuro non sarei nemmeno capace di fischiettarlo il motivo della sua canzone,per di più scritta facendo il copia e incolla!!!!
E' la conferma che a vincere sanremo è sempre una canzone che ha la stessa consistenza di una LOFFA!!!!

Peppone said...

purtroppo lo sappiamo tutti come si vince san remo, ed è per lo stesso motivo che tanti cantanti non vi partecipano, la casa discografica che cala più denaro vince il festival, in più mettici pure la presenza del marito di Mauruzio Costanzo, ed il gioco è fatto, col sabbiato vincitore

Marco Dale said...

Immagino le ragazzine che hanno chiesto ai genitori le ricariche per il cellulare per poter votare lu sabbiat!!!
Avrà vinto i dischi di platino,ma consideriamo che i dischi li hanno comprati i ragazzini da 10 a 15 anni,che cazz vonn capì!!!!