Thursday, January 08, 2009

KAMANDI......l'ultimo ragazzo sulla terra



Cari amici, è di nuovo di fumetti che vengo a parlarvi, e lo faccio proponendovi un opera davvero unica nel suo genere. Si tratta di un comics dei primi anni 70, ad opera del RE Jack "the king" Kirby.



Al secolo Jacob kurtzberg, americano, nato a New York, ma con origini austriache, è stato il vero inventore della maggior parte dei super eroi della Marvel, dai FANTASTI CI 4, ad IRON MAN, HULK, CAPITAN AMERICA, GLI X-MEN, e tanti altri, ma con una maturità maggiore, ha contribuito a rendere grande la casa editrice concorrente per antonomasia della grande M, la DC comics, quella di Super Man e Batman per intenderci. Ma non è con queste icone che il Re si è confrontato, bensì ha creato quasi un intero universo che molto si discosta da quello classico DC, con personaggi come, I NUOVI DEI, OMAC, DEMON, l'intera SAGA DEL QUARTO MONDO, e non ultimo KAMANDI.
Opera unica e quasi visionaria, dove in un futuro non troppo lontano, una catastrofe generata dall'uomo ha quasi distrutto la terra, riportando il paesaggio ad uno stadio quasi primitivo, della vecchia civiltà non rimane altro che le macerie delle metropoli, e le carcasse di mezzi di trasporto, e brandelli della vecchia quotidianeità. In questo paesaggio apocalittico, dove l'uomo è regradito allo stadio primitivo della specie, e gli animali hanno preso il sopravvento diventando antropomorfie molto, molto intelligenti, si muove Kamandi, l'ultimo ragazzo della terra, l'unico a non essere regredito allo stato animale.
Davvero uno scenario inquietante, dove le razze animali, divisesi in tribù dominano il mondo, dove le tigri sono una società militaristica come il vecchio impero romano, i gorilla sono bruti intelligenti, con una civiltà molto avanzata, i leoni sono rangere che cercano di preservare le bellezze della nìatura da ogni animale ostile, compreso l'uomo, i leopardi sono mercanti, e trattano qualsiasi articoli, anche schiavi umani, i ratti sono predoni sotterranei, e i delfini scienziati avanzatissimi, e il nostro protagonista, costretto al contatto con tutti questi animali senzienti, è in cerca di altri umani intelligenti come lui.
Insomma, in un balenottero di oltre 800 pagine, è racchiusa tutta la prima vita editoriale di Kamandi, naturalmente devo ringraziare il mio amico Lorenzo per avermi fatto conoscere questa opera Kirbyana, e per avermi scaraventato di prepotenza nel cosmo DC.



Certo è che la Marvel è inimitabile, con una storia compatta e mitica alle spalle, con personaggi tridimensionali e bellissimi, ma è vero anche che la DC, ed il suo pantheon di personaggi, appartengono all'epica super eroistica e non ,poichè Kamandi nello specifico di super eroico non ha nulla, anzi è un opera sci-fi molto intrigante e ben elaborata, d'altronde dal RE, non ci poteva aspettare di meno

2 comments:

Marco Dale said...

Bello!!!!!!!!!
Un pò pianeta delle scimmie un pò io sono leggenda!!!!

Peppone said...

Sicuramente è un opera da leggere, e per la storia, e per la storia che ha segnato, poichè credo che i film del pianeta delle scimmie sia venuto dopo, mentre io sono leggenda credo sia antecedente