Thursday, May 09, 2013

ERA UNA NOTTE BUIA DELLO STATO ITALIANO, QUELLA DEL 9 MAGGIO 78




Prendo in prestito le parole dei Modena City Ramblers per denunciare qualcosa di gravissimo. La canzone da cui cito, si intitola "i cento passi", come l'omonimo film di Marco Tullio Giordana. Il film e la canzone narrano la storia di una persona. Un uomo comune. Un uomo come tanti. Anzi no, un uomo come pochi.
Un uomo che purtroppo ha avuto la sfortuna di morire, lo stesso giorno in cui morì Aldo Moro. Quello di Moro è un delitto che ha riscritto la storia del nostro paese.
La vita e le idee di Moro sono state incisive per gli italiani, anche se per breve tempo.
Ma la vita di Peppino chi la ricorda?
La lotta di Peppino chi la ricorda?
La tenacia di Peppino, il coraggio di Peppino, le scelte, e le conseguenze che queste poi maturarono per Peppino, chi le ricorda?
Non posso dire sicuramente nessuno, ma altresì posso dire che in pochi lo facciamo. Lottare con la mafia, denunciare la mafia ed uno dei suoi più sanguinari boss, non è da tutti.....ma era da Peppino. Un uomo tanto esile e piccino, da essere un gigante di forza e coraggio!
Io lo stimo davvero, avere rinunciato a tutto, compresa la vita, per i propri principi ed ideali, è da eroi! Ed io amo, adoro gli eroi, quelli di carta, colorati che appaiono nei fumetti. Ma è davvero ,molto più semplice e bello amare quelli veri, di carne ed ossa come Peppino Impastato, o Giovanni Falcone, o Paolo Borsellino, ma anche Roberto saviano e tanti altri. Coloro che hanno messo in secondo piano perfino la loro vita per un idea, per la giustizia, per il bene....questi sono i veri eroi, e tutto il paese dovrebbe ricordare la loro morte, o meglio ancora la loro vita, per far in modo che il loro sacrificio non venga mai dimenticato.

PEPPINO E' VIVO E LOTTA INSIEME A NOI

2 comments:

Pasquale Barbella said...

http://youtu.be/WDoOBNkdzz0

Interpab said...

Indimenticabile Peppino.