Tuesday, December 16, 2008

TERREMOTO A PESCARA

Prendo in prestito il titolo dal blog di Marco, per scrivere due righe sulla tragica situazione che sta vivendo la mia città. Dopo la debacle delle elezioni per la giunta regionale, il centro sinistra pescarese è scosso da una bufera che spazzerà via tutto il ben fatto in otto anni di governo cittadino di Luciano D'Alfonso.
é di oggi la notizia che lo vorrebbe arrestato per corruzione. Io penso ancora che sia incredibile, dopo quanto ha fatto per la mia città, è stato davvero come pugnalare alle spalle tutti i cittadini pescaresi, con un gesto meschino!
Io penso che tutti coloro che lo hanno votato e non, hanno creduto che fosse una brava persona, prodiga a risolvere i problemi di una città che in passato, e anche molto recente, ha conosciuto il degrado, e sfido chiunque a dire che le gestioni cittadine precedenti a D'Alfonso, siano state buone!
Proprio per questo, tutti i cambiamenti che Pescara ha subito e tutti in positivo anche se ancora tanto c'è da fare, sono stati apportati proprio da lui e dalla sua giunta, sempre pronto ad ascoltare i problemi di ogni singolo cittadino, riqualificando zone ormai date per perse, e tante altre cose positive, in realtà celavano un ingordo come tutti gli altri, entrato in politica solo per riempire le proprie tasche, a discapito di tutti e della propria reputazione, rinnegando così tutte le ottime cose fatte in quasi due legislature.
Io mi sento davvero deluso e tradito, e come me credo tutti quelli che lo hanno apprezzato fin ora.
Credo anche che ci aspetterà un periodo davvero funesto, pronto a fare cento passi indietro piuttosto che uno avanti, lasciando spazio così ad una destra ancora più totalitaria, e questo mi da davvero ai nervi, in maniera assoluta!

5 comments:

Raffaella said...

Ciao, Peppone! Grazie per essere passato da me. Ti faccio i complimenti per il tuo blog allegro e anche un po' serio. Mi dispiace per il morbo che afflige voi operai metalmeccanici (sindrome della tondite acuta). Inizialmente credevo che aveste visto passare un carro funebre! Ti auguro un buon Natale e a presto con nuovi post!
PS: ti ho aggiunto anch'io tra i miei link!

claudioanarchico said...

Caro Giuseppe,
L'ultima immagine di D'Alfonso e di solo 6 giorni fa portava per mano i suoi due figli minori, stringeva mani nel miglior clima elettorale e saliva su un palco tutto illuminato a festa per un evento mondano/culturale degno della migliore città che riesco ad immaginare.
Io il tuo Sig. Sindaco l'ho guardato da un metro di distanza la scorsa domenica ed è così che lo ricorderò da allora al giorno dopo, quando le volanti hanno corso la città di notte ed i magistrati hanno rischiato di sentirsi per l'ennesima volta tacciare di persecuzione per il semplice atto del loro buon lavoro.
Poi proverò a girare a piedi per le strade, guardando con il naso in sù i nuovi centri direzionali nati come funghi in una città che si riscopre post-modernista, ma funziona solo coi soliti tre locali di moda, che si crede proiettata nel centro dell'evento in programma per la determinante prossima estate, ma può solo vantarsi dell'ennessimo cantiere che cola cemento in un altro pezzo di mare o un'altro angolo di parco fluviale. Il posto più provinciale che si possa immaginare, mentre i suoi cittadini sentivano quasi il solletico di poter vivere in una grande città propriamente detta.
Sono mille le città che ognuno di noi può credere di vivere, sono tante le amministrazioni che ognuno può credere di scorgere per strada nei nuovi cestini per rifiuti di design o nei lampioni a luce alogena del centro. Mentre le strenne natalizie provano a scaldare la piogerella incessante di dicembre io non ricordo più tutto ciò che di buono hai creduto di vedere o di provare ad evocare tu, ma ricordo un uomo gretto che nell'intento di stringere più mani e di farlo con la faccia più finta e più pulita possibile si trascina dietro in una gelida sera mondana tutta la famiglia e pur sapendo bene cosa l'aspetterà il giorno dopo e quello che di più bieco nasconde nel suo ieri sorride stentoreo e finto come tutto quello che adesso la sua amministrazione rappresenta. Il tradimento è iniziato quando ha preteso di credere di poterla fare franca, è continuato mentre stringeva immoralmente tante mani e non avrà fine finchè questo genere di persone non sentiranno tra i denti il gusto amaro e squallido della meschinità che riesco a sentire io guardandoli da lontano.

Arcadi said...

mah, Pepp, non so che dire. Da un lato, la giustizia farà il suo corso e dimostrerà i fatti, dall'altro, non credo che alla fine lui sia colpevole (anche se è della tua "area"). Non per così poco almeno. Avrebbe potuto, se velova, aspirare a molto di più (leggasi Del Turco). Comunque, Dura Lex Sed Lex, ai posteri l'ardua sentenza.

Peppone said...

Come swempre vi rtingrazio per i vostri commenti, sempre appropriati e giusti, condivido con voi quello che avete espresso, e sono sicuro che il mio sindaco non fosse un santo, poichè nessun uomo può esserlo, e sono sicuro che chiunque si trovi in un posto del genere, sia esente dal fare e dal commettere quello che D'Alfonso ha commesso, ma come ha detto Arcadi, avrebbe sicuramente potuto mangiare molto di più, e sono sicuro che chiunquq altro lo avrebbe fatto. Ma io non "credo di avere visto" io HO visto la mia città cambiare, e non sono un visionario, perchè con me tutti i pescaresi, che vivono a Pescara e vivono Pescara HANNO visto con me!
Naturalmente con ciò non voglio assolutamente giustificare un atto del genere, ne condividerlo, se quest'uomo ha sbagliato, dovra ASSOLUTAMENTE pagare!
ma con ciò io, e tantissimi pescaresi come me, non dimenticherò ciò che Luciano D'Alfonso ha fatto per la mia città e i suoi cittadini, cose che nessuna amministrazione precedente alla sua ha fatto, e sono sicuro che quelle a venire non faranno

Arcadi said...

che palle peppò...o destra o sinistra so sempre uguali. Corciamoci le maniche noi....datte na mossa che ti voglio imprenditore di te stesso (leggi famoso fumettista e pubblicitario)